Taking too long? Close loading screen.

IL MUSEO DI SPINAZZOLA SI PREPARA ALL’APERTURA

Home/Archeologia, Cultura ed Eventi, Turismo/IL MUSEO DI SPINAZZOLA SI PREPARA ALL’APERTURA

IL MUSEO DI SPINAZZOLA SI PREPARA ALL’APERTURA

SIGLATO L’ACCORDO TRA IL COMUNE E L’IMPRESA CULTURALE FABERS PER LA GESTIONE

IL MUSEO DI SPINAZZOLA SI PREPARA ALL’APERTURA

a cura di Giovanna Albo

Al via un accordo tra il comune di Spinazzola e l’impresa culturale Fabers per lo start-up del civico museo spinazzolese. Il sindaco Michele Patruno, infatti, dopo aver portato a compimento il recupero dell’ex convento dei Frati Minori Osservanti, grazie ad un finanziamento di 475.000 euro della Regione Puglia in seno al Programma Operativo FERS 2007-2013, ha avviato tutte le pratiche necessarie all’allestimento ed alla fruizione del museo. Sicché, in prima battuta, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Foggia e BAT, nella persona del funzionario responsabile del territorio di Spinazzola Dott. Italo Maria Muntoni, ha realizzato la scelta del materiale archeologico proveniente dagli scavi effettuati nell’area del castello, coadiuvato nell’allestimento dalla Dott.ssa Annalisa Melillo. Il primo nucleo di materiali esposti sarà quindi costituito da reperti inerenti le fasi del bronzo medio e finale, attestanti la prima occupazione del territorio di Spinazzola, unitamente ai reperti di età medievale che accompagnano le ultime fasi della vita del castello. Con l’accordo siglato il 15 febbraio, invece, il sindaco Patruno si affida alla Fabers, impresa culturale con sede a Matera e Trani, per mettere in piedi tutte quelle attività necessarie al funzionamento del museo e a far sì che questo diventi ganglo nevralgico della vita culturale del paese.
La Fabers, quindi, offrirà la sua disponibilità per dodici mesi durante i quali saranno perseguiti importanti obiettivi come quello di redigere uno statuto ed un regolamento utili al funzionamento del Museo e al tempo stesso istituire un comitato civico, all’interno del quale possano convergere sia le Associazioni che i singoli rappresentati della società civile, per dare linfa alle attività di programmazione culturale dell’istituzione museale. Si tratta di un vero e proprio supporto per l’Amministrazione comunale anche per quanto concerne il lavoro di arricchimento delle collezioni museali, proprio attraverso campagne di sensibilizzazione rivolte alla Comunità residente, al fine delle donazioni, senza trascurare tutte quelle attività di ricerca e studio necessarie a far sì che il museo divenga protagonista e possa catalizzare anche ulteriori finanziamenti comunitari.
Per tutto ciò la Fabers, metterà a disposizione della comunità spinazzolese uno staff altamente qualificato, composto da archeologi e professionisti in materia turistica, nonché da esperti in materia di bandi comunitari proprio al fine di far crescere il museo di Spinazzola. Infine la Fabers grazie alla sua presenza come tour operator su Matera faciliterà per il comune di Spinazzola tutte quelle attività di promozione turistica utili a recepire i flussi di visitatori in vista del 2019, anno in cui Matera sarà Capitale Europea della Cultura.
Un importante risultato quindi per la giunta capitanata da Michele Patruno che ancora una volta, con lungimiranza, scommette e investe sul Patrimonio Culturale.

da destra Michele Patruno (Sindaco di Spinazzola), Giambattista Sassi (Amministratore Fabers), Simonetta Bonomi (Soprintendente BAT-FG), Francesco Di Feo (Sindaco di Trinitapoli)

2018-04-17T09:27:13+00:00 27/02/2018|Categories: Archeologia, Cultura ed Eventi, Turismo|
Avada WordPress Theme